Effetti del lockdown a causa del coronavirus sulle condizioni di lavoro delle mediatrici e dei mediatori culturali presso i musei svizzeri


mediamus, l'associazione svizzera dei professionisti della formazione e della mediazione nel museo, analizza con un approfondito sondaggio gli effetti del lockdown conseguente al coronavirus sulle condizioni di lavoro delle mediatrici e dei mediatori culturali operanti nei musei svizzeri. mediamus si pone l'obiettivo di mettere in luce i diversi rapporti d’impiego nel settore professionale della mediazione culturale, approntare basi informative trasparenti e offrire, nella situazione attuale, un possibile supporto orientativo per datori di lavoro e lavoratori.

Il sondaggio si rivolge a mediatrici e mediatori culturali operanti presso musei svizzeri con impiego fisso e come indipendenti.

Il sondaggio è anonimo. I risultati verranno presentati in modo da non permettere di risalire ai partecipanti. Il sondaggio verrà valutato esternamente dalla dott. Nora Wegner, Kulturevaluation Wegner (www.kulturevaluation-wegner.de), specializzata in valutazioni nel settore museale e culturale.

Informativa sulla protezione dei dati. È garantito il rispetto delle disposizioni sulla protezione dei dati. Il questionario è stato realizzato in collaborazione con la ditta incaricata Kulturevaluation Wegner. Per il questionario online ci si avvale dei servizi del provider tedesco SosciSurvey, che con il suo server di sondaggistica in Germania dispone di un'infrastruttura conforme alla protezione dei dati. Questo significa tra l’altro che non vengono registrati indirizzi IP e non vengono creati cookie (https://www.soscisurvey.de/en/privacy). I dati salvati vengono cancellati al termine della valutazione, al massimo sei mesi dalla fine del sondaggio.



1. Chi compila il questionario?